Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Le SORTI dell'INVERNO: l'ovest non funziona, riprende quota il freddo da est

Per fine mese e inizio febbraio nuova ipotesi fredda per l'Italia.

Considerazioni - 19 Gennaio 2012, ore 09.02

Sembra davvero di essere seduti all'interno di una baita con vista panoramica su tutti e quattro i punti cardinali. Si guarda ovunque ed ogni giorno si scopre che le masse d'aria arrivano da una zona diversa. Oltre i 6-7 giorni è il caos previsionale, come da tempo non si vedeva. Occorre allora fare astrazione e ricapitolare quanto è successo e potrebbe ancora succedere: è un inverno con la Nina, pur debole al massimo moderata, è un inverno ancora caratterizzato da modesta attività magnetica solare.

E' un inverno segnato dal precondizionamento determinato dall'eccezionale vitalità del vortice polare stratosferico (NAM a +1,5 a fine novembre), con conseguenze di circa 60 giorni di temperature mediamente più calde della norma alle nostre latitudini.

Altri elementi però stanno entrando un gioco, tra cui un certo riscaldamento in seno al vortice polare stratosferico e un grosso anticiclone termico centrato sull'Asia. Cosa potrebbe scaturire da tutto questo? Una tendenza a maggiori scambi di calore lungo i meridiani, anche se non vi è affatto certezza che l'Italia risulti il bersaglio privilegiato di masse fredde.

Stamane il modello americano ha comunque mandato un chiaro segnale in tal senso: l'ipotesi correnti da ovest non convince, va scartata, è ad est che dobbiamo guardare. Il ponte Azzorre-alta russa torna d'attualità, così come la possibile formazione di un anticiclone sulla Scandinavia. La seconda parte dell'inverno potrebbe essere ancora contrassegnata da scarsi apporti pluviometrici di natura atlantica, ma da qualche apporto, pur localizzato, derivante da ciclogenesi mediterranea, magari anche di tipo nevoso.

I parziali blocking atlantici potrebbero risultare più resistenti e tenaci nel caso in sede stratosferica entro fine mese si verificasse un riscaldamento più marcato, che tuttavia non sembrerebbe risultare molto probabili. Inutile inoltre guardare ad altri indici, per ora non hanno alcuna valenza per quel che riguarda le sorti del nostro inverno.

Per finire come avrete notato, accompagnano questo breve pezzo un po' di carte un po' estreme per l'ultima parte del gennaio, suggerendovi di accoglierle con la dovuta cautela, visto che per ora hanno una probabilità di realizzarsi nel complesso inferiore al 25%...
 


Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 22.15: SS119 Di Gibellina

problema sdrucciolevole

Fondo stradale scivoloso a 2,814 km prima di Incrocio S.Ninfa A29 Palermo-Mazara Del Vallo (Km. 47,..…

h 22.15: A8 Milano-Varese

blocco coda

Code causa chiusura nodo nel tratto compreso tra Fiera Milano e Fiorenza-Allacciamento A4 (milano V..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum