Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Calabria: l'influenza delle correnti da nord sulle nevicate

Considerazioni sull'impatto delle correnti settentrionali sulla Calabria.

Considerazioni - 26 Dicembre 2003, ore 11.25

Le previsioni dei giorni antecedenti la vigilia di Natale 2003 lasciavano pensare ad un ondata di freddo e neve molto forte per la Calabria. Il ricordo dell'ondata di maltempo del giorno 08/12/03, sembrava dovesse essere superato nell'entità dei fenomeni. La situazione che si è invece verificata è apparsa ridimensionata rispetto a quanto previsto dai modelli. Analizziamone i motivi. L'afflusso di aria fredda, proveniente da Nord Nord-Est è arrivato puntuale sulla nostra Penisola, investendo in pieno la fascia Adriatica centro-meridionale, già dalla giornata del 23. Ben presto si sono avute cospicue nevicate su tutti i rilievi abruzzesi, molisani e lucani. Gli accumuli di questi gironi hanno superato il metro di altezza. In alcuni punti si sono registrati valori maggiori di due metri, ma è da ritenere che queste misure siano state frutto di accumuli dovuti al vento, più che effetto delle precipitazioni. I bassi valori di temperatura alla quota d 5000 metri, prossimi a -34°, e gli altrettanto bassi valori alla quota di 1500 metri, hanno consentito precipitazioni nevose assai cospicue, incrementate dal fatto che questi rilievi montuosi, trovandosi sopravento rispetto alle correnti di Nord -Nord-Est, hanno risentito positivamente del cosiddetto "effetto Stau". La Calabria invece è rimasta sottovento al flusso freddo. Il massiccio dell'Appennino lucano, alto 2500 metri, ha finito per creare uno sbarramento non superato dal flusso freddo. La "bolla fredda" si è concentrata sul settore centro-meridionale della Penisola, relegando la Calabria a temperature che non hanno raggiunto a 5000 metri, i -30°C. La "bolla fredda" non ha mai raggiunto la regione calabrese, traslando verso est, senza toccare quindi il lembo della Penisola. Sulla regione si sono avute precipitazioni nevose più cospicue sul Pollino e sulla Sila, con apporti di neve prossimi ai 30 cm. Sulle cime dei rilievi appenninici, cosi come sull'Aspromonte, la neve è apparsa in modo sporadico per pochi minuti, imbiancando ad esempio le alture di Lamezia nella notte di Natale dalla quota di circa 700-800 metri, senza però creare accumuli degni di considerazione. Non è stato tanto il valore termico delle correnti in quota, non sufficientemente basso, ad impedire fenomeni di entità rilevante, quanto proprio l'orografia dei luoghi. Quando la direttrice delle correnti fredde è prevalentemente settentrionale, da Nord - Nord-Est appunto, questa stessa trova la Calabria sottovento rispetto al massiccio appenninico del Pollino, alto 2500 metri. Ne è la riprova la mancata forte ventilazione settentrionale, prevista per la giornata del 24 sul Tirreno meridionale. Se si osservano i valori del vento si leggono punte su Lamezia di 20 nodi, in un solo momento. Erano invece previsti valori ben maggiori: venti forza 6 da Nord, con raffiche forza 8. Perché sulla Calabria i fenomeni e le precipitazioni nevose siano intense, occorre che il flusso che le accompagna abbia direttrice a più marcata componente orientale, ovvero provenire dai Balcani, e non dalla Scandinavia, quale era appunto il flusso freddo di Nata

Autore : Ugo Notaro

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum