Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

"Palpitazioni" termiche

Considerazioni di un meteo-ammalato cronico.

Considerazioni - 8 Gennaio 2002, ore 07.29

Abito in Piazzale Siena a Milano e da anni con tutti i modi possibili rilevo la temperatura esterna. D'inverno la misurazione diviene un vero e proprio incubo. Quasi non dormo e quando esco di casa immagino che temperatura io possa visualizzare sul display al mio rientro a casa. Piazzale Siena, zona periferica ad WNW della città, ospita un bel giardino centrale, attorno al quale ruota il traffico cittadino. La via è aperta a tutte le correnti e le case piuttosto alte la lasciano in ombra per molte ore durante la stagione invernale. La temperatura minima si registra circa alle 7 a novembre, alle 7.30 a dicembre, tra le 7.30 e addirittura le 8.30 in gennaio a seconda delle situazioni meteo, tra le 7.30 e le 7.45 in febbraio. La temperatura massima si raggiunge attorno alle 15 in novembre, alle 14.30 in dicembre e alle 15.30 in gennaio, addirittura alle 16 a febbraio. Ecco una giornata tipica invernale di gennaio con cielo sereno e condizioni anticicloniche: il termometro alle 5 del mattino può segnare 0°C ma alle 7.30 scendiamo a -1°C. Successivamente se l'aria è limpida si sale rapidamente, quasi di un grado all'ora fino a mezzogiorno, fino a toccare la punta massime alle 15.30. Se c'è foschia la salita è molto più lenta, tanto che anche a mezzogiorno possono non superarsi i 3°C. Dopo le 15.30 la discesa è lenta fino alle 16, poi accelera terribilmente tra le 16.30 e le 17.30 in cui possono perdersi quasi 2°C. Successivamente però, in assenza di vento, il traffico dell'ora di punta incide e riporta la temperatura a salire di mezzo grado e tale valore resta stabile sino alle 19. Poi comincia il calo, lento ma inesorabile. Se la massa d'aria che ci interessa è fredda, relativamente umida e legata dunque a correnti da est, già prima di mezzanotte possiamo toccare gli 0°C, altrimenti il cammino verso il gelo è molto lento, quasi insopportabile, se alle 22 avevi osservato +3.2°C a mezzanotte potresti essere fermo a 3.0°C e andare a letto con una rabbia terribile. La progressione dalla mezzanotte alle 5 però non delude mai e si arriva allo zero proprio intorno a quest'ora. Al suolo naturalmente è già tutto ghiacciato. Alle 6.30 il termometro può partire in picchiata verso il basso arrivando anche a -3°C in poco più di un'ora. Se prevale una corrente favonica, l'aria secca non permette al mio termometro di scendere, anzi parte improvviso un rialzo notturno anche con cielo sereno. Di giorno in questi casi il termometro è inguardabile. E' la nebbia però, specie se in banchi prossimi al suolo, a regalare le maggiori soddisfazioni: temperatura prossima allo zero per tutto il giorno e di notte se il fenomeno prosegue nella forma in banchi si hanno minime da capogiro, anche di -5°C, che per Milano città è moltissimo. L'effetto albedo della neve fresca al suolo aiuta a creare "l'effetto freezer" ma mai come la nebbia fredda. Il momento più terribile della giornata d'inverno lo vivo alle 15 quando non ho quasi il coraggio di guardare il termometro, se supera i 6°C la depressione mi assale, è una vera malattia...

Autore : Giorgio Miragoli

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 02.26: A4 Torino-Milano

rain

Pioggia nel tratto compreso tra Svincolo Greggio (Km. 67,5) e Svincolo Novara Ovest (Km. 82,9)…

h 02.17: A1 Roma-Napoli

fog

Nebbia a banchi nel tratto compreso tra Pontecorvo (Km. 658,3) e Cassino (Km. 669,6) in entrambe..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum