Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Quando il ghiaccio ricopriva persino i tropici...

Fra 700 e 600 milioni di anni fa le glaciazioni si spinsero fino al 25-30° parallelo.

Climatologia - 13 Luglio 2004, ore 09.45

Sulla Terra si sono verificate, nel corso di centinaia di milioni di anni, numerose glaciazioni di cui ancora oggi molte regioni portano i segni. Per quanto riguarda il nostro emisfero e l'Europa, l'estensione dei ghiacci perenni ha sempre raggiunto, nelle fasi glaciali, il 50° parallelo con le eccezioni delle grandi catene montuose come Alpi e Appennini. Autentiche "lingue" fredde scendevano dalle vallate fino a lambire la Valpadana, in seguito trasformatesi nei grandi e piccoli laghi che attualmente costellano l'arco alpino. Il periodo che va da 1000 a 500 milioni di anni fa (noto ai geologi come Neoproterozoico) fu caratterizzato dalle più imponenti glaciazioni terrestri, tanto che l'arco di tempo che va da 700 a 600 milioni di anni fa viene denominato "Criogeniano". In confronto ai 5 miliardi di anni di vita del nostro Pianeta questo breve intervallo vide 3 o 4 glaciazioni talmente potenti da spingere neve e ghiaccio fino a latitudini tropicali. Ad affermarlo è un gruppo di scienziati statunitensi e cinesi dopo aver analizzato dei depositi glaciali nella Cina meridionale, fra i 25° e il 30° parallelo, risalenti proprio al Criogeniano. I dati a disposizione sono pochi ma la contemporanea presenza di cenere vulcanica fossilizzata ha permesso di far risalire quei ghiacci a circa 650 milioni di anni fa. Come si può giustificare tutto questo gelo? Il nostro sole, prima di raggiungere l'attuale fase stabile e matura, ha attraversato dei periodi in cui emetteva molta meno luce e calore di oggi. Inoltre, dei profondi stravolgimenti e movimenti della crosta terrestre, per almeno 3 volte fecero aggregare tutti gli attuali continenti in un'unica massa (o Pangea). Dunque un unico grande territorio con un solo e smisurato oceano: una configurazione che mal si adattava ad una distribuzione uniforme del calore fra Equatore e Poli. Senza l'azione termoregolatrice del mare si spiega come le zone più interne fossero molto più fredde e secche anche a latitudini così meridionali. Tutti i risultati di questa ricerca sono stati pubblicati sulla rivista "Geology".

Autore : Simone Maio

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 12.29: A56 Tangenziale Di Napoli

incidente rallentamento

Traffico rallentato causa incidente nel tratto compreso tra Camaldoli (Km. 14,7) e Vomero (Km. 12,9..…

h 12.23: A56 Tangenziale Di Napoli

incidente

Incidente nel tratto compreso tra Camaldoli (Km. 14,7) e Vomero (Km. 12,9) in direzione Pozzuoli..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum