Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

2001, anno incredibile

Neve e gelo, caldo e nubifragi e continui colpi di scena in questo eccezionale anno nell'alto milanese

Climatologia - 3 Settembre 2002, ore 07.41

Meteorologicamente parlando, almeno nell'alto milanese, l'anno 2001 si può veramente definire eccezionale per i contrasti che lo hanno caratterizzato e per le situazioni climatiche "estreme" contrapposte che si sono verificate. Cercherò ora di fare luce su queste intricatissime vicende micro-climatiche. Gennaio 2001 si apre come il più classico degli inverni: freddo nella media nei primi quattro giorni, con 10 cm di neve il giorno 2 e pioggia il 4 con +3°C di massima; tempo autunnale fino al 13, poi crollo verticale della temperatura con minima a -5.4°C il 16 e altri 8 cm tra il 17 e il 18. L'inverno a questo punto sembra voler andare in "ferie anticipate", perché fino al 24 febbraio di freddo proprio non ne vuol più sapere: a metà febbraio la primavera sembra aver inequivocabilmente vinto. Eppure, proprio ora che i rigori del vero Inverno e i 38 cm di neve caduti nell'alto milanese tra il 24 dicembre e il 18 gennaio sembrano ormai sepolti, ecco un brusco ritorno del gelo in tutta Italia: fitte nevicate si registrano un po' ovunque al centro-nord tra il 24 e 27 febbraio e proprio in questa giornata, verso sera, la "Dama Bianca" torna timidamente a fare visita ai Milanesi. Infine alle 7:45 del 28 febbraio si scatena la bufera: altri 8 cm in 4 ore e il 2 marzo un'altra sorprendente nevicata interessa la zona portando con sé 3 cm. Marzo conferma come da tradizione la sua variabilità, perché si passa dalle temperature ben rigide dei primi 4 giorni (temp media +3.8°C) alle temperatura degne di un aprile inoltrato nel resto del mese. Aprile comincia sulla stessa falsa riga, ma il 14-4 un'ondata di freddo colpisce tutta l'Italia: le temperature calano mediamente di 5-6°C ma non si registra nessuna gelata. Qui in Brianza la "fase clou" di questa improvvisa "sterzata climatica" si ha il 21 aprile quando un intenso vortice freddo fa scendere la temperatura a +1°C, riportando per un'ora la neve sull'alta pianura tra le 8:30 e le 9:30: è la nevicata più tardiva che abbia mai visto. Riepilogando, almeno 4 colpi di scena in 4 mesi: non male! Tempo anonimo, ma piuttosto fresco e temporalesco tra il 25-4 e il 26-5. Per contro, la settimana tra il 28 maggio e il 2 giugno fa registrare un picco di calore da record per il periodo raggiungendo ripetutamente i 35°C. Ma anche ora la situazione cambia rapidamente e già a partire dal 2-6 l'aria fredda spazza via il calore provocando due intensi temporali seguiti da forte Fhoen nel pomeriggio-sera del 3: la mattina seguente la minima sprofonda a +7.0°C!!! In 5 giorni abbiamo avuto quasi 30 gradi di escursione termica!!! Un'altra moderata ondata di calore si verifica tra il 22-6 e il 27-6 e riprende nella prima settimana di luglio, in cui si verifica l'evento più violento che abbia mai interessato l'alto milanese: si concretizza la mattina del 7 luglio 2001, quando il contrasto tra l'aria calda preesistente e il fronte freddo in arrivo provoca una violentissima tempesta sulla Brianza e in particolare l'alto milanese, accompagnata da nubifragi, grandine e un tornado F3 che devasta 4 paesi a poco più di 4-5 km dalla mio punto di osservazione. Non si era mai vista una cosa tanto terrificante nei nostri cieli. Estate decisamente più tranquilla fino a fine mese quando una nuova ondata di caldo e afa torna a tormentare le notti e i giorni dei Milanesi ancora in città. Tra il 28-7 e il 4-8 il caldo è letteralmente insopportabile, accompagnato da elevatissimi tassi di umidità che causano la classica cappa biancastra di foschia e inquinamento tipica dell'estate milanese: il termometro, che di giorno supera i 35-36°C, la notte rimane inchiodato a valori elevatissimi con minime spesso superiori ai 25°C. A partire dal 4 il caldo si attenua e lascia il posto ad aria più temperata. Si verificano poche precipitazioni. Come se non bastasse, a partire dal 20 agosto l'estate non retrocede, anzi, lancia una nuova offensiva "infernale" verso il centro-nord Italia. Tra il 20 e il 30 agosto si ritorna esattamente alla situazione di inizio mese: caldo insostenibile in città, sembra non finire più! La svolta arriva il 30, quando un poderoso fronte freddo sferra un colpo micidiale all'anticiclone che per 3 mesi ha oppresso l'estate italiana e che offerto un periodo lunghissimo di stabilità, interrotta appunto da qualche violento ma isolato temporale. Il 30 agosto 2001 segna l'ora X della terribile estate 2001 che ha regalato agli Italiani 3 mesi di caldo e siccità da record. Qui a Macherio si è passati nelle massime dai 34°C del 29 agosto ai 20°C del 30 agosto, giorno in cui sono caduti 130 mm di pioggia distribuiti in 4 paurose ondate temporalesche; altri bei temporaloni il 31 agosto e l'1 settembre, e l'estate, quella che fa soffrire, è davvero finita. Da notare che i primi 8 mesi dell'anno si sono chiusi con un'anomalia positiva che ha più volte sfiorato il record: è il mese di settembre a rompere questa tendenza "tropicale" e, con una temperatura media di 17.0°C, si pone come uno dei più freddi degli ultimi 30 anni. Anche l'apporto pluviometrico è soddisfacente, con circa 90 mm. Ottobre sembra però non gradire questo assaggio di autunno e per controbilanciare le fresche velleità di settembre si conferma il PIU' CALDO degli ultimi 20 anni con una temperatura media di 16.3°C gradi e il resuscitato anticiclone non permette alle precipitazioni di raggiungere la media stagionale: ASSOLUTAMENTE INCREDIBILE! Anche novembre si apre con clima mite e asciutto, ma a partire dal giorno 8 la situazione cambia e il 9 si verifica una notevole irruzione artica: la temperatura scende fino a 2°C e si verificano rovesci di pioggia mista a qualche fiocco di neve. Le irruzioni di aria artica si fanno sempre più frequenti e il 25 novembre si verifica la minima assoluta del mese con -4.0°C. È degno di nota il ritorno in grande stile della nebbia, anche durante il giorno, nella bassa Brianza nei mesi di ottobre e novembre, fenomeno che era andato attenuandosi negli ultimi anni. Anche novembre si conclude sotto la media climatica, con 6.5°C di temperatura media ma ancora poche precipitazioni a causa della componente eccessivamente settentrionale delle correnti, che lasciano sottovento la nostra zona. Il mese di dicembre si potrebbe definire la chicca di quest'anno strabiliante. La prima settimana trascorre tranquillamente con nebbia frequente; il 6 il Fhoen fa impennare il termometro a +18.0°C, ma dal 7 si forma un potente anticiclone sulle isole britanniche direttamente collegato con quello siberiano e le correnti assumono una piega decisamente nord-orientale con conseguente tracollo termico: il 10 la temperatura media della giornata si ferma a -0.3°C, e mentre le correnti orientali sono sempre più fredde nei giorni 13/14 si prevede l'arrivo di un fronte freddissimo di diretta estrazione siberiana accompagnato dal mitico burian, che qui mancava da ben 5 anni! Il fronte siberiano colpisce con violenza inattesa la bassa Brianza e in generale tutto il milanese (metropoli compresa) tra le 18:00 e le 21:30 del 13 dicembre con accumuli medi di 13-15 cm, venti oltre i 60-70 km/h, tormenta di neve, visibilità azzerata e wind chill fino a -25°C: un autentico blizzard canadese!!! Il 14 la massima si ferma a +0.4°C, nonostante la splendida giornata, e la mattina seguente il termometro precipita a -11.7°C, record dal febbraio 1991. Temperature veramente glaciali dal 13 al 26 dicembre, con una temperatura media inchiodata a -1.1°C! La neve caduta il 13-12 resiste fino al 21-1-2002. Il mese di dicembre si chiude con una temperatura media di +0.9°C. Che dire? Nell'arco del medesimo anno si è registrata una delle estati più calde dell'ultimo secolo e il dicembre più freddo degli ultimi 30 anni e sono caduti in totale 40 cm di neve! Qualsiasi commento è inutile!

Autore : Marco Bonavitacola

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 09.09: SS62 Della Cisa

problema sdrucciolevole

Fondo stradale dissestato nel tratto compreso tra 23 m dopo Incrocio Passo Della Cisa (Km. 56,2) e..…

h 09.08: A14 Bologna-Ancona

coda rallentamento

Code causa traffico intenso nel tratto compreso tra Allacciamento A13 Bologna-Padova (Km. 14,4) e A..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum