Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La bella ANDROMEDA

Guida all'osservazione della galassia di Andromeda.

Astronomia - 6 Ottobre 2003, ore 09.24

Andromeda o M31, gia' alta nel cielo autunnale dopo il tramonto, e' l'unica galassia visibile ad occhio nudo se escludiamo le "Nubi di Magellano", due piccole galassie irregolari satelliti della nostra Via Lattea, visibili solo nell'emisfero australe. Ma prima di intrapendere il viaggio alla scoperta della nostra Galassia compagna del "gruppo locale" ,vediamo di chiarire il termine distanze cosmologiche. La nostra stella, il Sole, che dista da noi 150.000.000 di chilometri e' una stella media dal diametro di circa 1.500.000 Km, 125 volte la nostra Terra. Immaginiamo di ridurre il diametro solare ad un piombino da caccia ( 3 mm ) la stella piu' vicina, Alfa Centauri che si trova a 4 anni luce da noi, sul nostro plastico virtuale sarebbe un'altra sfera di 3mm di diametro a circa 40 chilometri di distanza! Ora, se la stella piu' vicina e' a 40 km quanto e' grande l'intera Via Lattea ? Sul nostro plastico lillipuziano quasi tre volte la distanza Terra Luna = 1.200.000 Km ! Tornando alle misure reali, la distanza di 4 anni luce e' traducibile in 37.843.200.000.000 Km, alla velocita' di 300 Km/h si impiegherebbero 14.000.000 di anni ; immaginate ora il tempo che si impiegherebbe per attraversare l'intera Galassia che misura col sua asse maggiore poco piu' di 100.000 anni luce. Con le tecnologie oggi a nostra disposizione, vaggiando alla velocita' di 70.000 Km/h nello spazio interstellare, potremmo andare da un capo all'altro della nostra Galassia in poco piu' di un miliardo e mezzo di anni con il rischio pero' di essere un giorno clamorosamente superati o doppiati dai nostri "pronipoti" nel corso delle loro fantascientifiche missioni spaziali. Ma ora torniamo ad Andromeda, che appare alla nostra vista come un batuffolo bianco immerso nel campo apparente delle stelle della nostra Via Lattea quasi a confonderci le idee. Le prime osservazioni risalgono al X secolo quando l'astronomo persiano Umar-al-Sufi-Abd-al-Rahman, la descrisse come una "piccola nuvola celeste". La Galassia apparve poi su carte olandesi del 1500, ma le prime osservazioni telescopiche risalgono al 1612 da parte dell'astronomo tedesco Simon Marius; ma fu solo nel 1781 che l'astronomo francese Charles Messer la introdusse nel suo omonimo catalogo come M31. La vera natura della galassia di Andromeda fu scoperta in tempi molto piu' recenti grazie a tecnologie avanzate e potenti telescopi con cui se ne osservo' forma, dimensioni e movimenti. La Galassia e' un'immensa ruota cosmica con giganteschi bracci a spirale che partendo dal centro e sviluppandosi verso la periferia sono composti da 200-300 miliardi di stelle, polveri oscure e gas. Il suo diametro, decisamente superiore alla nostra Via Lattea, misura 160.000 anni luce e come la nostra Galassia ha due piccole galassie satelliti che a differenza delle "nostre" Nubi di Magellano di forma irregolare, sono di forma ellittica. La galassia di Adromeda fa parte del "Gruppo Locale" e cioe' e' la piu' vicina componente dell'ammasso di galassie di circa trenta unita' che comprende la nostra galassia, la Via Lattea. Andromeda dista da noi "solo" 2.300.000 anni luce e questo spazio intergalattico e' costituito prevalentemente da vuoto, uno spazio dove la parola "luce" non ha senso di esistere. La luce che vediamo della galassia quindi e' partita 2.300.000 anni or sono, quando la Terra aveva un aspetto relativamente diverso da oggi ma soprattutto non vi erano segni di alcuna civilta'e gli unici esseri nostri simili erano degli ominidi che vivevano quasi esclusivamente nell'Africa orientale. Se ci osservasse una civilta' abbastanza progredita su di un pianeta che orbitasse attorno ad una stella di Andromeda, vedrebbe mari, boschi, foreste e savane ed in queste radure vedrebbe scorazzare L'Ausralopiteco che in quel periodo iniziava la sua lenta metamorfosi che lo avrebbe portato a trasformarsi in Homo Habilis. Era l'inizio dell' Eta' della Pietra, l'alba dell'Uomo e della nostra Civilta'.

Autore : Luca Savorani, Gruppo RIGEL

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 17.09: A29 Palermo-Mazara Del Vallo

incidente rallentamento

Traffico rallentato, incidente a 6,055 km prima di Svincolo Salemi (Km. 76,5) in direzione Svinco..…

h 17.09: SS158 Della Valle Del Volturno

incidente

Strada chiusa, incidente con persone a 3,761 km prima di Incrocio Ponte Nuovo - SS627 Della Vandra..…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum