Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

AMARCORD 2012: l'edizione straordinaria serale del 30/1/12 GELO SIBERIANO e NEVICATE stanno per abbattersi su mezza Italia

Un evento del genere non si verificava almeno da dicembre del 96, ma potremmo scalare la classifica del gelo e delle nevicate storiche con il passare dei giorni. Sino a venerdì freddo concentrato soprattutto al nord e sul centro Europa, grandi nevicate sul centro Italia con molte città coinvolte, tra cui Firenze. Nel fine settimana freddo ovunque, con possibili rovesci di neve anche su Roma e Napoli. Valori termici eccezionalmente bassi attesi su tutta l'Europa centrale.

Amarcord - 26 Ottobre 2016, ore 10.28

FEBBRAIO 2012 nella storia: "fortunato è colui che ha vissuto in tempi interessanti". Una eccezionale ondata di gelo sta per abbattersi sull'Europa e ci consentirà sicuramente di raccontarlo negli anni ai figli o ai nipotini. Un'Europa mai dipinta così di blu e di viola dalle mappe meteorologiche di tutti i principali centri meteo del mondo da almeno 16 anni, ma i paragoni rischiano come sempre di essere superati dai fatti.

E' come nel caso della scala Mercalli: valuteremo le conseguenze del gelo sul campo ad evento terminato e trarremo le conclusioni. Ora pensiamo a viverlo.


SITUAZIONE: mentre una vasta colata di aria gelida scivola retrograda lungo il bordo orientale dell'anticiclone, un nocciolo freddo in quota si va portando dalla Francia al settentrione e nel pomeriggio di martedì finirà per generare un minimo depressionario al suolo all'altezza dell'alto Tirreno, in movimento poi verso il centro Italia nelle ore successive e attivo sino a mercoledì.

CONSEGUENZE NEVOSE tra MARTEDI e MERCOLEDI: attendibilità: 80%
martedì pomeriggio neve debole sul nord-ovest, specie Alpi, basso Piemonte, bassa Lombardia, Liguria e poi dalla sera su Emilia-Romagna. Asciutto sul nord-est. Al centro neve in graduale abbassamento sino in pianura dalla sera su Toscana con neve a Firenze, Umbria con neve a Perugia e Marche, sul Lazio nevicherà sino a 200-300m, in Abruzzo sino a 150-200m. 
Mercoledì la neve seguiterà a cadere in mattinata sino in pianura sull'Emilia-Romagna, anche a Bologna, sulla Toscana e nei fondovalle dell'Umbria, sino a 200-300m sulle Marche, 500-600m sull'Abruzzo, il limite si innalzerà tra 300 e 700m sul Lazio scendendo da nord a sud e con il passare delle ore. Temporaneo miglioramento al nord.
Quota neve compresa tra 700 e 1200m al sud.

EVOLUZIONE: un nucleo gelido in arrivo dalla Siberia innescherà la vera ondata di freddo su gran parte dell'Europa con effetti sul settentrione, raggiunto nella notte su giovedì da forti venti orientali e da deboli nevicate portate dal vento. La neve in Adriatico tenderà nuovamente a cadere in pianura, nevicherà ancora in Romagna, spruzzate anche in Emilia, poi nord-ovest. Questa colata finirà per approfondire un nuovo minimo depressionario all'altezza delle Baleari che viaggerà verso il centro Italia, raggiungendolo e colpendolo in pieno tra giovedì sera e venerdì. Riflessi anche al nord.

INCERTEZZA: permane incertezza sul reale posizionamento di questo minimo, ma è un'incertezza più dei previsori che delle carte che paiono decise a seguire il quadro prospettato.

CONSEGUENZE TERMICHE tra GIOVEDI e VENERDI:
accentuazione del freddo al nord con presenza di valori prossimi ai -14, -15°C a 1500m entro venerdì. Valori in rialzo procedendo verso il centro, con l'isoterma della -5°C previsto tra Toscana, Umbria e Marche.

CONSEGUENZE NEVOSE tra GIOVEDI e VENERDI: attendibilità 55-60%.
giovedì al nord spruzzate di neve sul nord-ovest, poi altra neve in arrivo sull'Emilia-Romagna e a sera sul basso Veneto. Al centro neve sino in pianura su Toscana, Umbria, Marche, alto Lazio, mista a pioggia sul Lazio e forse anche a Roma ma con limite in nuovo rialzo sino a 400m, specie su sud Lazio così come nel sud dell'Abruzzo. Sul meridione fenomeni scarsi o assenti.
Venerdì neve forte o molto forte sull'Emilia-Romagna, debole sul Triveneto, fiocchi sparsi sul resto del nord,  ancora neve forte su Toscana, Umbria, Marche, alto Lazio, in pianura con forti disagi anche nelle grandi città.

FINE SETTIMANA: qui sta la spettacolarità di questo evento. La grande massa gelida affluita sul centro Europa troverà come valvola di sfogo la valle del Rodano. La circolazione sull'Italia rimarrà ciclonica e l'afflusso di quest'aria così gelida, pur riscaldata in parte dal passaggio sul mare ma anche umificata, darà vita ad una nuova fase molto instabile al centro-sud con rovesci di neve a quote anche prossime al litorale, specie tra bassa Toscana, Lazio, Campania, Sardegna. Potrebbero verificarsi temporali nevosi su Roma come il 12 febbraio del 2010 e non si esclude qualche fiocco anche su Napoli. Qui però la previsione avrà bisogno di conferme e resta al momento attendibile al 60%.

Nella foto del forumista Davide75 la situazione nell'Astigiano dopo la forte nevicata di domenica 29 gennaio 2012.


Autore : Redazione di MeteoLive.it

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità

h 07.56: A27 Mestre-Belluno

incidente

Incidente a Barriera Di Venezia in direzione Belluno dalle 07:11 del 27 mag 2017 pesante…

h 07.37: A27 Mestre-Belluno

incidente

Incidente a Barriera Di Venezia in direzione Belluno dalle 07:11 del 27 mag 2017…

Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum