Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

La "spruzzata" di giovedì

Dove colpirà il flusso freddo da est: nel dettaglio tutte le zone che potrebbero vedere la neve

A tutta neve - 19 Dicembre 2000, ore 11.24

L'aria fredda e relativamente umida che affluirà da est sulle regioni settentrionali provocherà probabilmente qualche nevicata isolata sulle zone pianeggianti e sui rilievi prealpini. Fortemente scorretto è invece affermare che un tale flusso umido possa generare nevicate sull'arco alpino. Le irruzioni d'aria fredda dai Balcani o dalla porta della Bora partono sempre dalla pianura, cioè dagli strati bassi dell'atmosfera, solo successivamente possono invadere anche quote superiori ai 2500-3000 m. Lo testimoniano molte carte in quota previste per i prossimi giorni. Fino a venerdì lo spessore dell'aria fredda sarà limitato al massimo alle zone prealpine ed appenniniche, alle quote superiori dunque, sarà presente aria più mite e vi sarà un'inversione tra 800 e 750 hPa. L'aria umida si collocherà tra 820 e 920 Hpa, dove si formeranno i banchi nuvolosi a prevalente carattere di stratocumulo. Gli annuvolamenti si verificheranno per attrito contro il suolo e per effetto "stau" contro i rilievi, oltre che per un rimescolamento con la massa d'aria preesistente. Vediamo nel dettaglio quali zone potranno essere più soggette a deboli spruzzatine di neve fino in pianura: Piemonte: zona di Cuneo, Mondovì, Pinerolo, Asti, Saluzzo, Cuorgné, Ivrea, Torino, solo qualche fiocco possibile nel novarese e nel biellese. Lombardia: zona laghi, canton Ticino meridionale, essenzialmente il mendrisiotto, comasco, varesotto, lecchese, valli bergamasche. Isolati fiocchi possibili anche su Milano. Emilia Romagna: piacentino, parmense, Bologna, Faenza, ravennate e forse Cesena e Rimini. Marche e Abruzzo: miste a pioggia brevi e sporadiche, lungo tutto il litorale fino ad Ancona, più a sud solo pioggia sul litorale. Nelle zone interne deboli fino ai 600 m, sull'Abruzzo fino a 700. Gli eventuali fenomeni saranno più probabili durante la notte e nelle prime ore del mattino, poi il sole tenderà a rompere l'inversione; ne deriverà uno scambio termico verticale in grado di rimescolare l'aria e di frazioanre dunque la nuvolosità che si ripresenterà comunque già dal tardo pomeriggio.

Autore : Alessio Grosso

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum