Scrivi una località, una regione o una nazione per ottenerne le previsioni del tempo
Località Data aggiornamento Quantità neve Impianti
MeteoLive NEWSLeggi tutte le news ›

Cronaca di una nevicata storica

Il racconto di Roberto Maruzzo della nevicata del 28 febbraio 2001 nel canavese, in provincia di Torino.

A tutta neve - 13 Marzo 2001, ore 08.05

Una storica nevicata a Villanova Canavese, provincia di Torino, 385 m. E' il 22 febbraio 2001:l'inverno 2000/2001, particolarmente mite, si sta avviando alla conclusione. E' stato un inverno che non ha avuto particolari picchi di freddo, anzi l'anticiclone russo-siberiano è stato un illustre assente: ma la sorpresa dell'inverno è stata la neve, tornata in pianura dopo tanti anni: la nevicata di Natale è ancora nei nostri occhi, così come le spruzzatine di gennaio. Ma ormai sembra imminente la primavera: ad alzare ancora la temperatura arriva il foehn, che fa schizzare la colonnina di mercurio fino a +20.1°, record del mese degli ultimi cinque anni. Il giorno dopo di nuovo fhoen e massima a +18.4°. Dal 24 febbraio ecco che le cose cambiano: la minima notturna scende a -1.9°, il cielo è sereno: in montagna si avverte già che l'aria si è ben rinfrescata. In pianura il cielo si copre rapidamente di nuvole basse e stratificate, si alza un vento da est, la temperatura, dopo aver superato gli 11°, scende rapidamente. Verso le 21 comincia a cadere!una leggera pioviggine, con una temperatura di 2.9°. Col passare delle ore la pioggia si trasforma in neve, e al mattino di domenica 25 febbraio sono caduti 3 cm. La giornata è fredda, con la massima che non supera i 3.7°, ma la poca neve si scioglie comunque. Durante la notte diventa sereno e la temperatura crolla fino a -7.0°. E' lunedì 26 febbraio 2001: nonostante l'assenza di nubi la colonnina di mercurio non va oltre i +6.0°. La notte successiva trascorre di nuovo senza nubi e si toccano i -6.8°: verso sud-est si scorge però un vero muro di nuvole. A partire dalle 10:00 il cielo comincia a coprirsi rapidamente, bloccando la salita della temperatura a +2.8°. Verso le 15 è coperto e cominciano a cadere radi fiocchi, si intensificano alle 16 e dalle 17 si scatena una vera e propria bufera. Quando torno da Torino, alle 19 nevica furiosamente, al suolo si sono depositati circa 4 cm, la temperatura è sui -0.5°: condizioni ideali. La nevicata aumenta di intensità, dalle 21:00 si alza un vento tra i 5 e i 10 km/h da Nord-ovest, lo spettacolo ha inizio: le neve cade leggera in ogni direzione, il vento al porta dappertutto: si sente l'odore della montagna, l'odore della tormenta. Alle 23 la temperatura è di -1.0° e la neve al suolo ha già raggiunto i 13-14 cm, e non accenna a smettere, anzi l'intensità della precipitazione è sempre notevole. La tormenta dura tutta la notte, sempre accompagnata dal vento. Alle 6:00 del 28 febbraio 2001, al suolo vi sono ben 23 cm. di neve fresca. Il paesaggio è semplicemente stupendo: alberi carichi di neve, neve dappertutto trasportata dal vento, strade e cartelli stradali sono ricoperti di bianco e continua a nevicare. La precipitazione continua furiosamente fino alle 14, quando si esaurisce del tutto: dalle 6 del mattino sono caduti altri 8 cm di neve: in totale 31 cm in 21 ore, la nevicata più intensa dal famoso 1987, e la più abbondante degli ultimi dieci anni dopo quella del dicembre 1995. Si aprono alcune schiarite e alle ore 19:00 la temperatura scende fino a -2.2, per poi risalire per una maggior copertura del cielo: ancora sorprese? No, per quest'anno può bastare. Alle 22:00 la temperatura è ferma a -1.5°, nella notte rasserenerà, ma in previsione c'erano -5/-6 come minima. E invece, ecco l'inizio della primavera meteorologica: ore 7:00 il termometro segna -8.7°, mai raggiunto in questo inverno, c'è già di che essere soddisfatti. Il paesaggio è meraviglioso: il cielo è sereno, la neve è ancora sulle piante e la galaverna copre gli arbusti: una leggera foschia disegna strane luci tra i ghiaccioli che pendono dai tetti. E ad un tratto un suono, come una sveglia: è la mia centralina che suona l'allarme gelo: era impostata sui -9 da quattro mesi: li ha superati e continua a scendere: -9.3° alle 7:40: è caduto un altro record, quello della minima di marzo, che resisteva dal 1996: non avrei mai pensato che un giorno sarebbe stato superato. Si chiude così la mia cronaca della nevicata del secolo: con la minima dell'inverno, questo strano inverno che meglio di così non poteva chiudersi: e adesso siamo pronti, pronti ad accogliere la primavera con i suoi colori e i suoi profumi.

Autore : Roberto Maruzzo

Questa pagina: Stampa Invia Favoriti | Condividi: Altro
Webcam
Vedi tutte
Satellite
Immagini e foto dal satellite

Immagini dal satellite

Guarda le ultime immagini inviate dal satellite Meteosat 8, da 36.000 km di altezza.

Visualizza
Editoriali
Leggi tutti
Newsletter

Iscriviti subito!

Scrivi la tua email

Ogni giorno riceverai le nostre previsioni meteorologiche direttamente nella tua casella e-mail!

Info Viabilità
Leggi tutti
Dal FORUM
Vai al forum