Logo MeteoLive

Il forum di MeteoLive.it
Il più autorevole ed antico forum di Meteorologia italiano, il primo creato in Italia, attivo fin dal 29 novembre 1998

Spaghetti per Roma
Satellite moviola VISIBILE

atten.gif (177 byte)atten.gif (177 byte)  Ti ricordiamo che il forum è moderato e i messaggi contrari al regolamento verranno cancellati.
Non inserire link o pubblicità ad altri siti meteo ITALIANI. Mantieni sempre un comportamento educato e rispettoso e sarai stimato da tutti! SEGNALA ABUSI AL MODERATORE!

Sat moviola Regolamento GFS HR PLUS WRF Inser. img statiche

Segnala il tempo!  

Nowcasting
NORD-OVEST

  Nowcasting
NORD-EST
  Nowcasting
CENTRO-SUD
 
MeteoLive.it :: Leggi argomento - The Science and the Politics of Climate Change
Log in Registra FAQ Cerca Indice del forum

The Science and the Politics of Climate Change
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 16, 17, 18
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3157
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Fri Aug 09, 2019 12:12 am    Oggetto: Rispondi citando

La ricerca scientifica progredisce con ricerche e risultati verificabili ,

le ricostruzione climatiche si basano su ricerche scientifiche , indicano periodi climatici piu caldi durante l Impero Romano e periodo Medioevale

i cambiamenti climatici del passato si attribuiscono a fattori Naturali , esempio alta attivita' Solare ,

la PEG per la bassa attivita' Solare e forti eruzioni Vulcaniche

il riscaldamento del XX secolo per alta attivita' Solare , il grande Massimo Solare tra il 1944 e 2003 ,
periodo piu caldo attuale dal 1998

La maggior parte dei principali dati relativi il Clima utilizzati dall' IPCC sono generati da dati meteorologici raccolti nelle stazioni meteorologiche terrestri ,

la copertura spaziale dei dati è discutibile, poiché la temperatura sopra gli Oceani, che rappresenta oltre il 70% della superficie terrestre, è per lo più trascurata o generalmente ' inserita ' per interpolazione

Il numero e la posizione di queste stazioni meteorologiche terrestri sono notevolmente cambiate nel tempo, e di maggior numero rispetto a precedenti periodi e ' medie ' ,
dati terrestri in parte alterati dal contributo antropico .

L'indicatore chiave utilizzato da IPCC è l'anomalia della temperatura globale, ottenuta calcolando la media spaziale, nonché possibili anomalie locali.

Le anomalie locali sono il confronto tra la temperatura locale attuale e la temperatura locale media calcolata in un periodo di riferimento come media climatica precedente di 30 anni, cambiando ogni 30 anni ,

esempio 1931-1960, 1961-1990, 1971/2000 , ect .

Il concetto di anomalia locale , discutibile a causa della presenza di componenti policiclici nei dati di temperatura, che possono indurre a un trend ' alterato ' , dati terrestri condizionati dal fattore antropico , isole di calore , urbanizzazione , ect.

Altri fattori mettono anche in dubbio l'affidabilità dei modelli climatici, tra cui la mancanza di dati sulle temperature della superficie del mare SST ( Sea Surface Temperature ) per minore copertura di boe , di dati , rispetto al grande numero delle stazioni terrestri . Gli Oceani rappresentano oltre il 70% della superficie terrestre .


Top
Profilo Invia messaggio privato
the hurricane



Registrato: 01/02/11 10:34
Messaggi: 2274
Residenza: Caravaggio (BG)

MessaggioInviato: Fri Aug 09, 2019 9:13 am    Oggetto: Rispondi citando

Citazione:
le ricostruzione climatiche si basano su ricerche scientifiche , indicano periodi climatici piu caldi durante l Impero Romano e periodo Medioevale


Beh non è proprio cosi in quanto molte altre ricerche, che ovviamente tu non citi, indicano come entrambi i periodi non fossero più caldi dell'attuale. Quindi tutte queste certezze non le avrei, anche perchè le ricostruzioni paleoclimatiche hanno un'incertezza molto più elevata rispetto ai dati attuali.

Quindi, se già esistono incertezze sui dati attuali, figuriamoci il margine di errore sui dati paleoclimatici.

Poi come scegliendo qualsiasi periodo di riferimento, questo non incide sull'aumento di temperature osservato che è sempre di circa 1°C dal 1900.

Poi ti ripeto esistono numerose ricerche che hanno mostrato che l'attuale riscaldamento non è correlato alla sola attività solare e agli altri fattori naturali.

E gli scienziati scettici dovrebbero appunto spiegare questo, ovvero dovrebbero dimostrare che il riscaldamento globale attuale sia principalmente dovuto ai fattori naturali e l'effetto antropico è minimo.

I dati sono li disponibili a tutti, chiunque può prenderli e analizzarli e arrivare a conclusioni opposte, eppure la maggior parte degli scettici si limita ad una critica, spesso sterile, della teoria dell'AGW.

Inoltre, il fatto che nel passato ci siano stati cambiamenti climatici per cause naturali, non nega che invece l'attuale riscaldamento sia stato causato da fattori antropici.

La scienza si dovrebbe basare su tesi e dimostrazione della tesi con lo sviluppo di un modello verificabile (anche in opposizione ad un modello attuale).

Perchè nessun scienziato scettico fa questo?


Top
Profilo Invia messaggio privato
miloso



Registrato: 13/07/15 09:34
Messaggi: 1271
Residenza: carpi

MessaggioInviato: Fri Aug 09, 2019 8:01 pm    Oggetto: Rispondi citando

da un altro forum :


Top
Profilo Invia messaggio privato
nordest



Registrato: 01/01/70 01:00
Messaggi: 6
Residenza: Manzano (UD)

MessaggioInviato: Sun Aug 18, 2019 10:07 am    Oggetto: Rispondi citando

in Islanda si commemora la fine di un ghiacciaio, lo Okjokull

https://phys.org/news/2019-08-iceland-commemorates-glacier-lost-climate.html


Top
Profilo Invia messaggio privato
monte capanne
Forumista senior


Registrato: 09/01/13 18:33
Messaggi: 6552
Residenza: CAMPO NELL'ELBA

MessaggioInviato: Sun Aug 18, 2019 10:45 am    Oggetto: Rispondi citando

nordest ha scritto:
in Islanda si commemora la fine di un ghiacciaio, lo Okjokull

https://phys.org/news/2019-08-iceland-commemorates-glacier-lost-climate.html
Io mi chiedo,ma perchè il ghiacciaio vicino non è scomparso?


Top
Profilo Invia messaggio privato
Burian2012
Forumista senior


Registrato: 08/03/12 15:44
Messaggi: 8660
Residenza: Melfi

MessaggioInviato: Sun Aug 18, 2019 4:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

miloso ha scritto:
da un altro forum :


I miei complimenti a Miloso per la bravura e la pazienza con la quale ha costruito il grafico! Wink Inoltre, essendo spiegato schematicamente è molto esaustivo.


Top
Profilo Invia messaggio privato
nordest



Registrato: 01/01/70 01:00
Messaggi: 6
Residenza: Manzano (UD)

MessaggioInviato: Sun Aug 18, 2019 11:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

monte capanne ha scritto:
nordest ha scritto:
in Islanda si commemora la fine di un ghiacciaio, lo Okjokull

https://phys.org/news/2019-08-iceland-commemorates-glacier-lost-climate.html
Io mi chiedo,ma perchè il ghiacciaio vicino non è scomparso?


perchè è ad una altitudine maggiore, se noti ha perso comunque area


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3157
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Thu Dec 05, 2019 11:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

..' Ogni anno le Nazioni Unite producono un rapporto sull'azione per il clima proprio prima del vertice annuale sul clima (quest'anno COP 25 a Madrid). Questa volta i Verdi delle Nazioni Unite hanno superato se stessi, ma non in modo positivo per loro. Il programma ambientale delle Nazioni Unite ha prodotto un rapporto che dimostra graficamente perché ciò che vogliono accadere è impossibile.

Chiamo questo grafico l'impossibile piramide. È assolutamente semplice e merita un'attenta riflessione, in particolare da parte dei 20.000 negoziatori di azioni per il clima a Madrid e dei loro capi in patria. Eppure, le persone che dovrebbero interessarsene davvero sono quelle che sarebbero state colpite.

Il rapporto si intitola "Rapporto sul divario delle emissioni 2019", il che sembra che vi sia una lacuna di qualche tipo da colmare. Ciò si rivela essere un eufemismo grossolano, per non dire altro.

" Emissioni globali di gas serra in diversi scenari e il divario delle emissioni entro il 2030 ".

La struttura di base del grafico è una semplice piramide. A sinistra sale rapidamente a un picco, dopo di che cade rapidamente a destra. L'asse x in basso è il tempo e il picco è ora. Quindi il rapido aumento a sinistra è reale mentre il rapido declino a destra non lo è. È una speranza per la fantasia, nei prossimi dieci anni, tra oggi e il 2030.

Ciò che aumenta e diminuisce (l'asse y) sono le emissioni globali di CO2 nell'uomo. Quello che dice il grafico è che le emissioni sono aumentate rapidamente (principalmente nelle economie emergenti) ma ora devono improvvisamente arrestarsi e poi diminuire rapidamente.

Questa assurdità è impossibile - politicamente, socialmente, economicamente e persino fisicamente. Ancora più importante, considera cosa significa la rapida ascesa. Sono miliardi di persone che migliorano notevolmente la propria vita, con cose come l'elettricità e il trasporto meccanico. Luce, calore, acqua corrente, computer e TV, scooter, automobili, trattori e molto altro ancora.
Non è possibile che questo drammatico progresso si fermi e si inverta improvvisamente.

La differenza tra i lati sinistro e destro di questa piramide non è una lacuna e chiamarla così ingannevolmente ingannevole. Stiamo parlando di invertire il progresso umano.

La relazione chiede specificamente l'interruzione sociale. Ecco alcune delle cose della rivoluzione sociale, dalla pagina X del Riepilogo esecutivo (presentato nei termini più belli possibili):

“La decarbonizzazione dell'economia globale richiederà cambiamenti strutturali fondamentali, che dovrebbero essere progettati per apportare molteplici vantaggi per l'umanità e i sistemi di supporto planetario.

Se i molteplici vantaggi associati alla chiusura del divario in termini di emissioni saranno pienamente realizzati, la transizione richiesta contribuirà in modo essenziale al raggiungimento dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite con i suoi 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS). "

“Gli investimenti in protezione del clima e adattamento diventeranno un presupposto per la pace e la stabilità e richiederanno sforzi senza precedenti per trasformare società, economie, infrastrutture e istituzioni di governance. Allo stesso tempo, processi di decarbonizzazione rapidi e profondi implicano che sono necessari cambiamenti strutturali fondamentali all'interno di settori economici, imprese, mercati del lavoro e modelli commerciali ”.

“Per necessità, questo vedrà un profondo cambiamento nel modo in cui energia, cibo e altri servizi ad alta intensità di materiale sono richiesti e forniti da governi, aziende e mercati. Questi sistemi di fornitura sono intrecciati con le preferenze, le azioni e le esigenze delle persone in quanto consumatori, cittadini e comunità. Cambiamenti profondamente radicati in valori, norme, cultura del consumatore e visioni del mondo sono inevitabilmente parte della grande trasformazione della sostenibilità. "

“La legittimità della decarbonizzazione richiede quindi una massiccia mobilitazione sociale e investimenti nella coesione sociale per evitare l'esclusione e la resistenza ai cambiamenti. È necessario sviluppare transizioni giuste e tempestive verso la sostenibilità, tenendo conto degli interessi e dei diritti delle persone vulnerabili agli impatti dei cambiamenti climatici, delle persone e delle regioni in cui la decarbonizzazione richiede adeguamenti strutturali e delle generazioni future. "

Quindi le Nazioni Unite affermano chiaramente che dobbiamo ristrutturare la società, oltre a invertire il progresso energetico, al fine di perseguire un obiettivo impossibile.

È come le dichiarazioni di assurdità promosse dagli allarmisti radicali, tranne ora che lo dicono le Nazioni Unite. Nessun governo importante è disposto a compiere questi assurdi passi. In effetti, la maggior parte si sta ritirando da qualsiasi nuovo impegno di riduzione delle emissioni a breve termine. Semplicemente non può essere fatto.

Citano alcuni approcci tecnologici, ma nulla di tale portata potrebbe essere fatto in dieci anni. Non potremmo nemmeno costruire le fabbriche così in fretta e il costo della rivoluzione sarebbe paralizzante.

Nota anche che in realtà ci sono tre lati giusti della Piramide Impossibile, ognuno inclinato rapidamente verso il basso ma a velocità di discesa visibilmente diverse. Corrispondono a quanto richiesto dalle Nazioni Unite per limitare il riscaldamento a 1,5, 1,8 e 2,0 gradi C.

Questi numeri sono anche estremamente fuorvianti (insieme al termine "gap"). Ogni obiettivo include già i presunti 1,0 gradi del riscaldamento passato negli ultimi 100 anni circa. Quindi questi obiettivi, per i quali dovremmo sacrificare il nostro approvvigionamento energetico e ristrutturare la società umana, sono in realtà solo 0,5, 0,8 e 1,0 gradi di riscaldamento futuro. Queste sono minuscole quantità di riscaldamento globale, il contrario del catastrofico. "..


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3157
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Thu Dec 12, 2019 11:50 am    Oggetto: Rispondi citando

.. "Se un modello climatico utilizzando il feedback positivo sull'acqua fosse applicato all'entità dell'effetto GH di questo studio, fallirebbe peggio di un modello che mostra un valore TCS di 1,2 ° C.

Se nell'atmosfera esistesse un meccanismo di feedback dell'acqua positivo, non vi sarebbe alcuna base scientifica per supporre che questo meccanismo avrebbe iniziato a funzionare solo se la concentrazione di CO2 fosse superiore a 280 ppm , e in realtà l'IPCC non lo afferma.

Le osservazioni assolute di umidità e temperatura mostrano che non esiste un meccanismo di feedback dell'acqua positivo nell'atmosfera durante i periodi di tempo più lunghi . ... Il contributo di CO2 nell'effetto GH è del 7,3% corrispondente a 2,4 ° C di temperatura.

La riproduzione del forzante radiativo della CO2 (RF) ha mostrato che il valore RF della sensibilità climatica è di 2,16 Wm-2, che è il 41,6% più piccolo del 3,7 Wm-2 utilizzato dall'IPCC . Un modello climatico che mostra una sensibilità climatica (CS) di 0,6 ° C corrisponde al contributo di CO2 nell'effetto GH , ma il modello climatico dell'IPCC che mostra una CS di 1,8 ° C o 1,2 ° C non lo fa. ' ..

.. “Il potenziamento dell'effetto serra atmosferico dovuto all'aumento dei gas serra atmosferici è spesso considerato responsabile del riscaldamento globale (noto come ipotesi serra del riscaldamento globale).

In questo contesto, il campo di temperatura della troposfera globale e della bassa stratosfera nel periodo 12 / 1978-1907 / 2018 viene esplorato utilizzando la recente versione 6 del set di dati sulla temperatura del satellite globale UAH MSU / AMSU.

La nostra analisi non ha mostrato un riscaldamento costante con un aumento graduale da latitudini basse a alte in entrambi gli emisferi, come dovrebbe essere dalla teoria del riscaldamento globale . '

..' Sulla base di questi risultati e tenendo presente che il sistema climatico è complicato e complesso con le incertezze esistenti nelle previsioni climatiche, non è possibile sostenere in modo affidabile la visione della presenza del riscaldamento globale nel senso di un maggiore effetto serra dovuto alle attività umane . "


Top
Profilo Invia messaggio privato
berty45



Registrato: 13/12/09 06:48
Messaggi: 225
Residenza: giaveno (to)

MessaggioInviato: Thu Dec 12, 2019 9:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

scusa robert una domanda allora se non e l'uomo e la natura?siamo a natale e rovaniemi piove e lo seguo da un mese tra gelate e pioggia .secondo me siamo gia in una fase preoccupante non credi che oltre il circolo polare artico a dicembre a la stessa temperatura di torino


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3157
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Thu Dec 12, 2019 11:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

berty45 ha scritto:
scusa robert una domanda allora se non e l'uomo e la natura?siamo a natale e rovaniemi piove e lo seguo da un mese tra gelate e pioggia .secondo me siamo gia in una fase preoccupante non credi che oltre il circolo polare artico a dicembre a la stessa temperatura di torino


ciao Berty ,

il Clima nel corso dei secoli e' sempre cambiato , ci sono stati periodi ultra secolari mediamente piu caldi , esempio tra il 800/1250 periodo caldo Medioevale un rilevante riscaldamento e non c' era la concentrazione di CO2 come adesso . In quel periodo era anche piu caldo in Finlandia ma in generale in tutta la Scandinavia , dal Baltico al Inghilterra con estati molto calde ed inverni miti , certo , anche allora ci sono stati alcuni inverni molto freddi , ma era un clima mediamente piu caldo .

C era la coltura della vite in Inghilterra , per quei tempi si produceva un ottimo vino , i ghiacciai Artici e Groenlandesi erano molto meno estesi , i Vichinghi viaggiavano per tutto il nord Europa nel Mar Artico allora libero dai ghiacci

in Inghilterra la temperatura media estiva durante il periodo piu caldo del Medioevo tra il 950 e 1100 era superiore di circa 2 gradi rispetto adesso .

Poi con il passare dei decenni inizia un calo della temperatura media globale durante il 14 secolo , 1300 , gli inverni diventano piu freddi , i ghiacciai ritornano ad estendersi , tra il 1350/1850 il periodo mediamente piu freddo la PEG ,
eppure durante questo periodo XIX secolo inizia anche un certo sviluppo ' industriale con le macchine a vapore . La popolazione durante la PEG era di circa 700.000 abitanti
raggiunge un miliardo di persone tra il 1815/1816 , quando ci fu anche la terribile eruzione del Tambora 1815 , a cui segui una sensibile diminuzione della temp. media globale

Anche se rilevante il contributo Antropogenico , i meccanismi Naturali Astronomici nelle Variazioni Climatiche ultra secolare ,
come l' attivita Solare , sono fattori rilevanti nei cambiamenti climatici
la temperature media globale e' aumentata durante il XX secolo per l incremento della attivita Solare

http://www.biocab.org/Little_Ice_Age_Solar_Irradiance.jpg

su periodi ultra secolari possono influire anche le variazioni Orbitali dei Pianeti , Satelliti , fattori Astronomici

anche il Vulcanismo e' uno dei fattori che ha un rilevante impatto sul clima

esempio la forte eruzione del Pinatubo del giugno 1991 causo' una diminuzione della temp. media globale anche di oltre mezzo grado tra il 1992 e 1993 , dati NASA , GISS , Hadcrut .

sono una concomitanza di fattori e feedback a condizionare l andamento climatico ,
le dinamiche Astronomiche , Solari , Oceaniche , Vulcaniche , sono tra i fattori primari e determinanti nei cambiamenti Climatici di medio lungo raggio .

Tu citi di Rovaniemi con la stessa temperatura di Torino , ma il clima per quanto notoriamente complesso e caotico questo e' normale , e' successo anche durante gli anni '70 ,

in Finlandia il mese di dicembre e' stato molto piu mite anche alcuni decenni prima , soprattutto tra gli anni '20 e '30 durante un sensibile incremento delle temperature , warming trend ,
in Finlandia una serie di mese di dicembre molto miti come
nel 1932 , 1934 , 1935 ,
dicembre 1936 ' caldo ' con temperature molto superiori la media '71/2000 , in Finlandia dicembre 1936 in assoluto tra i piu ' caldi '

come e' stato dicembre 1934 in gran parte d Europa e in Italia , un mese dicembre 1934 molto mite .

I Ghiacciai Artici in quel periodo erano molto meno estesi , hanno subito una forte fusione .
tra il 1916 e 1945 c'e stato un rilevante riscaldamento , secondo dati e stime di circa + 0,8 C. con molto meno concentrazione di CO2 in atmosfera , poi il calo di circa mezzo grado tra il 1945 e 1975 quando aumentava la CO2 , con il progresso industriale , economico ect. , quando , invece , tra il 1958 e 1972 i ghiacciai artici sono aumentati

In questi decenni è cambiato molto in termini Ecologici , inquinamento Ambientale , deforestazione ,
le prime piu grandi conferenze mondiali sul clima e ambiente nel 1972 e 1979

Il Clima come e' cambiato nel passato puo' cambiare in futuro .


Top
Profilo Invia messaggio privato
the hurricane



Registrato: 01/02/11 10:34
Messaggi: 2274
Residenza: Caravaggio (BG)

MessaggioInviato: Fri Dec 13, 2019 9:44 am    Oggetto: Rispondi citando

robert ha scritto:


http://www.biocab.org/Little_Ice_Age_Solar_Irradiance.jpg



mi sembra un grafico un po' irrelastico in confronto agli altri dataset di temperatura.

basti osservare come, in quel grafico, l'aumento di temperature dal 1950 sia irrisorio, mentre gli altri dataset mostrano un aumento di almeno 0.5°C dal 1950 al 2000.

E guarda caso, i dati anomali si trovano proprio nel periodo dove le attività antropiche hanno il maggior impatto e dove l'attività solare è rimasta grossomodo costante (se non in lieve calo).




è solo una coincidenza?


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3157
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Fri Dec 13, 2019 1:21 pm    Oggetto: Rispondi citando

the hurricane ha scritto:
robert ha scritto:


http://www.biocab.org/Little_Ice_Age_Solar_Irradiance.jpg



mi sembra un grafico un po' irrelastico in confronto agli altri dataset di temperatura.

basti osservare come, in quel grafico, l'aumento di temperature dal 1950 sia irrisorio, mentre gli altri dataset mostrano un aumento di almeno 0.5°C dal 1950 al 2000.

E guarda caso, i dati anomali si trovano proprio nel periodo dove le attività antropiche hanno il maggior impatto e dove l'attività solare è rimasta grossomodo costante (se non in lieve calo).




è solo una coincidenza?


quello che e' piu realistico e' quello che mostra l evidenza dei dati ,

dal 1980 quando e' iniziato il warming trend , in realta' dal 1976/1977 , concomitante il maggior numero di eventi El Nino dei quali anche i piu intensi dal 1900 , dati NOAA ,
senz' altro il contributo Antropico c'e , ed e' anche rilevante ,
ma nessun scienziato sia dell IPCC che NIPCC o scienziati indipendenti puo dire con assoluta certezza la percentuale , e quanto effettivamente contribuisce al riscaldamento , in un sistema climatico complesso , caotico e multicomponente .

Dal 1998 la concentrazione di CO2 in atmosfera e' notevolmente incrementata , ma la temperatura e' aumentata di + 0,2 C. , ma nel contempo , con assoluta certezza , gli Oceani sono stati mediamente molto piu caldi in particolare il nord Atlantico AMO ++ , con maggior apporto di Vapore Acqueo in atmosfera .

' l evidenza ', perche riscaldamenti ci sono stati anche in passato come tra il 1860 e 1882 prima dell eruzione del Krakatoa ,
ed altro warming trend molto piu evidente tra il 1916 e 1945 , con molto meno concentrazione di CO2 nell atmosfera , evidente che ci sono altri componenti e fattori ad influire sull andamento climatico , come i periodi associati ENSO/PDO/AMO a secondo essi prevalgono in regime SST piu caldi o freddi .


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3157
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Fri Jan 17, 2020 1:19 pm    Oggetto: Rispondi citando

secondo i dati Satellitari dal 1979 la temperatura media globale e' aumentata di mezzo grado , in questo grafico l incremento e' stato inferiore rispetto la stima dei modelli climatici

... " Gran parte del problema si riduce alla risoluzione della griglia. "La verità è che il livello di dettaglio nei modelli non è realmente determinato da vincoli scientifici", afferma Tim Palmer, un fisico dell'Università di Oxford nel Regno Unito che sostiene approcci stocastici alla modellistica climatica.

"È determinato interamente dalle dimensioni dei computer". In termini approssimativi, è necessario un aumento dell'ordine di grandezza della potenza del computer per dimezzare le dimensioni della griglia.

La dimensione tipica della griglia orizzontale è scesa da 500 km negli anni '70 a 100 km oggi e potrebbe cadere a 10 km in 10 anni. Ma anche questo non sarà di grande aiuto nel modellare fenomeni su piccola scala di vitale importanza come la formazione di nuvole, sottolinea Palmer. E prima che raggiungano quel tipo di dettaglio, i computer possono incontrare una barriera fisica: consumo di energia. “Macchine che eseguono exaflops
operazioni in virgola mobile al secondo] sono all'orizzonte ", afferma Palmer. "Il problema è che avrai bisogno di 100 MW per farne funzionare uno." È abbastanza elettricità per alimentare una città di 100.000 persone.

Di fronte a tali ostacoli, Palmer e altri sostengono un nuovo inizio ".

Il passato è la chiave del presente e del futuro. Trovare quindi prevedere le quasi periodicità naturali che governano il clima delle terre - l'approccio geologico.

.. ' I Principi generali.

La competenza principale nelle scienze geologiche è la capacità di riconoscere e correlare i mutevoli schemi di eventi nel tempo e nello spazio. Ciò richiede una mentalità e un insieme di competenze molto diverse dall'approccio riduzionista alla natura, ma che è appropriato e necessario per studiare i climi passati e prevedere le tendenze climatiche future.

Scienziati e modellisti con esperienza in fisica e matematica di solito hanno poca esperienza nel correlare insiemi di dati multipli, spesso frammentari, di più variabili per costruire una comprensione e una narrazione di tendenze e modelli generali dalle singole serie storiche locali e regionali di variabili particolari.

Il valore dei geologi l'approccio alla comprensione del passato è dimostrato dai trilioni di dollari spesi dalle compagnie petrolifere per trovare e produrre i milioni di barili di petrolio e miliardi di piedi cubi di gas necessari ogni giorno per alimentare l'economia mondiale.

Il clima terrestre è il risultato di risonanze e battiti tra vari processi quasi ciclici di varie lunghezze d'onda combinati con processi endogeni di terra secolare come, ad esempio, la tettonica delle placche. Non è possibile prevedere il futuro a meno che non abbiamo una buona comprensione della relazione del clima del presente con le fasi attuali di queste diverse quasi-periodicità naturali interagenti che rientrano in due categorie principali.

a) L'eccentricità, l'obliquità e i cicli precessionali di Milankovitch a onda lunga orbitale che sono modulati da
b) cicli di "attività" solari con possibili scale temporali pluriennali, millenarie, centennali e decadali.

La convoluzione dei driver aeb è mediata dai grandi sistemi di corrente oceanica e pressione atmosferica per produrre il clima e il tempo terrestri.
Dopo aver stabilito dove siamo relativi alle periodicità delle onde lunghe per aiutare a prevedere i cambiamenti decadali e annuali, possiamo quindi guardare dove si trova la terra nel tempo rispetto alle periodicità degli indici DOP, AMO e NAO ed ENSO e sulla base di modelli passati che rendono ragionevole previsioni per futuri periodi decadali.

Oltre a questi processi quasi periodici, dobbiamo anche essere consapevoli dei cambiamenti endogeni della terra nell'intensità del campo geomagnetico, nell'attività vulcanica e, a lungo termine, scala i movimenti tettonici delle placche e la disposizione delle masse terrestri. .

Il riscaldamento attuale in relazione ai cicli di Milankovitch. '..


Top
Profilo Invia messaggio privato
robert



Registrato: 29/03/11 15:26
Messaggi: 3157
Residenza: napoli

MessaggioInviato: Tue Feb 11, 2020 6:59 pm    Oggetto: Rispondi citando

robert ha scritto:
Burian2012 ha scritto:
Robert cosa pensi invece del biennio 2017-2018?
Molto probabilmente si affermeranno condizioni favorevoli alla Nina con nuovo calo dell'indice solare che sta calando già da due anni dopo il massimo di 3 anni fa. Specialmente riguardo all'inverno 2016-17 che coinciderebbe con il nuovo minimo solare La Nina e QBO-!?


Si , Burian
Con alta probabilita dopo un forte El Nino segue una fase Nina , esempio dopo El Nino tra il 1997e1998 . Nina piuttosto forte tra il 1998 e 2000 ,
Anche dopo El Nino 2009/2010 strong Nina tra il 2010 e 2011.

In contesto minimo Solare e QBO - EA negativa , tra il 2017 e 2019 probabile Inverno tra i piu freddi degli ultumi decenni.

Un po simile all inverno del 1963 , 1953 , 1965.


ad inizio di questo thread , commenti del gennaio 2016

sappiamo inverno '15/2016 tra i piu miti

come possibile inverno tra i piu freddi tra il 2017 e 2019 , certo non c'e stato un inverno tra i piu freddi , inteso come esempio il 1981 , 2006

ma ' un po' simile ' per fenomenologia ondate di gelo e neve che in effetti , anche in parte , hanno caratterizzato gli inverni tra il 2017 e 2019 ,
anche gennaio 2019 nettamente piu freddo e nevoso


Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   

Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 16, 17, 18
Pagina 18 di 18

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Puoi votare nei sondaggi



Powered by phpBB © 2001- 2004 phpBB Group
Theme created by phpBBStyles.com | Themes Database
phpbb.it