Logo MeteoLive

Il forum di MeteoLive.it
Il più autorevole ed antico forum di Meteorologia italiano, il primo creato in Italia, attivo fin dal 29 novembre 1998

Spaghetti per Roma
Satellite moviola VISIBILE

atten.gif (177 byte)atten.gif (177 byte)  Ti ricordiamo che il forum è moderato e i messaggi contrari al regolamento verranno cancellati.
Non inserire link o pubblicità ad altri siti meteo ITALIANI. Mantieni sempre un comportamento educato e rispettoso e sarai stimato da tutti! SEGNALA ABUSI AL MODERATORE!

Sat moviola Regolamento GFS HR PLUS WRF Inser. img statiche

Segnala il tempo!  

Nowcasting
NORD-OVEST

  Nowcasting
NORD-EST
  Nowcasting
CENTRO-SUD
 
MeteoLive.it :: Leggi argomento - EXTRA LONG RANGE: gli inverni europei degli anni 20 del XXI secolo...
Log in Registra FAQ Cerca Indice del forum

EXTRA LONG RANGE: gli inverni europei degli anni 20 del XXI secolo...
Vai a Precedente  1, 2
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
gippalippa



Registrato: 20/01/15 17:54
Messaggi: 1460
Residenza: Napoli

MessaggioInviato: Fri Jan 12, 2018 10:54 pm    Oggetto: Rispondi citando

il conte ha scritto:
IMadeYouReadThis ha scritto:
il conte ha scritto:
buona sera
vorrei porre questo dubbio circa la forzante da te (e dalla gran parte del forum e dell'opinione pubblica) assunta come driver principale: quella antropica.

L'AGW si estrinseca, nella lettura dei più, attraverso l'aumento della concentrazione di CO2.

si è verificato in epoche remote (paleoclimatologia) in almeno due o tre occasioni, periodo di era glaciale (non PEG, era glaciale vera e propria) con concentraz CO2 molto superiori alle 400 e rotti ppm attuali.

e se il driver principale fosse il sole, punto e basta?

ricordo che nello scorso minimo solare (ciclo 23-24) cioè 2006-2012, ne abbiamo viste delle belle in Europa e non solo eventi climatici estremi in un contesto mediamente mite, ma inverni interi dominati da una circolazione (NATL-ARTICO) foriera di abbondanti precipitazioni nevose (e soprattutto frequenti) in aree assolutamente tipiche (es nord ovest) , insomma l'OLD STYLE di Ulisse...

un saluto e cmq complimenti per le tue analisi e anche per il tema proposto nela presente.



Smile


Ere glaciali con elevati quantitativi di CO2 si verificano principalmente per i cicli di milankovitch e non a causa del sole. Dal 2006 al 2012 abbiamo avuto anche l'inverno più caldo di sempre. Il driver principale non è il Sole. Il sole non porta ad avere ere glaciali




ok... ma è questa verità incontrovertibile oppure suscettibile secondo te di eventuali correzioni, come la scoperta di correlazioni prima non viste?
ricordiamoci che si tratta di un campo di indagine in cui la riflessione scientifica è in atto da un tempo molto, molto breve...


Il punto è questo: il sistema climatico è estremamente suscettibile ai cambiamenti di luminosità solare, anche variazioni di poche decine di W/m^2 possono portare a cambiamenti di temperatura sensibili su scala globale (la sensitività climatica al sole è incerta si va da 0.11°C(W/m^2) Fino a 0.95°C(W/m^2)). Il punto è che l'attività solare è molto stabile, non a caso la quantità media di irraggiamento che la terra riceve è definita costante solare (e vale circa 1361 W/m^2), proprio perché non varia e rimane più o meno costante nel tempo. Fra un massimo è un minimo solare in un normale ciclo undicennale è di appena 0.9 W/m^2. Il calo di irraggiamento durante un minimo massivo è prolungato come ad esempio il minimo di Maunder è comunque di appena 3.5 W/m^2, che corrisponde ad un calo delle temperature globali fra i 0.2 e i 0.5 °C, il che sarebbe importante in condizione neutre ma assolutamente irrilevante (a livello globale) in un trend di GW come quello attuale. È plausibile che il minimo di Maunder possa aver innescato la PEG (ovviamente aiutato molto dall'intensa attività vulcanica del periodo) ma adesso ciò non sarebbe più possibile.

Va detto che comunque è probabile che l'attività solare possa influenzare le sinottiche su scala locale il che può favorire nel caso di attività bassa un sensibile raffreddamento di vaste aree portando comunque a inverni più rigidi; il discorso è complesso e ad ora non ho un ricordo preciso e non vorrei intervenire per evitare errori; tempo fa condivisi in un TD di Robert un paper (ovviamente in inglese) sull'argomento, magari più tardi lo ricondivido qua, adesso sono onestamente troppo scazzato per spulciare nel forum.


Top
Profilo Invia messaggio privato
il conte



Registrato: 22/02/14 11:34
Messaggi: 228
Residenza: comazzo(mi-lo)

MessaggioInviato: Fri Jan 12, 2018 11:01 pm    Oggetto: Rispondi citando

gippalippa ha scritto:
il conte ha scritto:
IMadeYouReadThis ha scritto:
il conte ha scritto:
buona sera
vorrei porre questo dubbio circa la forzante da te (e dalla gran parte del forum e dell'opinione pubblica) assunta come driver principale: quella antropica.

L'AGW si estrinseca, nella lettura dei più, attraverso l'aumento della concentrazione di CO2.

si è verificato in epoche remote (paleoclimatologia) in almeno due o tre occasioni, periodo di era glaciale (non PEG, era glaciale vera e propria) con concentraz CO2 molto superiori alle 400 e rotti ppm attuali.

e se il driver principale fosse il sole, punto e basta?

ricordo che nello scorso minimo solare (ciclo 23-24) cioè 2006-2012, ne abbiamo viste delle belle in Europa e non solo eventi climatici estremi in un contesto mediamente mite, ma inverni interi dominati da una circolazione (NATL-ARTICO) foriera di abbondanti precipitazioni nevose (e soprattutto frequenti) in aree assolutamente tipiche (es nord ovest) , insomma l'OLD STYLE di Ulisse...

un saluto e cmq complimenti per le tue analisi e anche per il tema proposto nela presente.



Smile


Ere glaciali con elevati quantitativi di CO2 si verificano principalmente per i cicli di milankovitch e non a causa del sole. Dal 2006 al 2012 abbiamo avuto anche l'inverno più caldo di sempre. Il driver principale non è il Sole. Il sole non porta ad avere ere glaciali




ok... ma è questa verità incontrovertibile oppure suscettibile secondo te di eventuali correzioni, come la scoperta di correlazioni prima non viste?
ricordiamoci che si tratta di un campo di indagine in cui la riflessione scientifica è in atto da un tempo molto, molto breve...


Il punto è questo: il sistema climatico è estremamente suscettibile ai cambiamenti di luminosità solare, anche variazioni di poche decine di W/m^2 possono portare a cambiamenti di temperatura sensibili su scala globale (la sensitività climatica al sole è incerta si va da 0.11°C(W/m^2) Fino a 0.95°C(W/m^2)). Il punto è che l'attività solare è molto stabile, non a caso la quantità media di irraggiamento che la terra riceve è definita costante solare (e vale circa 1361 W/m^2), proprio perché non varia e rimane più o meno costante nel tempo. Fra un massimo è un minimo solare in un normale ciclo undicennale è di appena 0.9 W/m^2. Il calo di irraggiamento durante un minimo massivo è prolungato come ad esempio il minimo di Maunder è comunque di appena 3.5 W/m^2, che corrisponde ad un calo delle temperature globali fra i 0.2 e i 0.5 °C, il che sarebbe importante in condizione neutre ma assolutamente irrilevante (a livello globale) in un trend di GW come quello attuale. È plausibile che il minimo di Maunder possa aver innescato la PEG (ovviamente aiutato molto dall'intensa attività vulcanica del periodo) ma adesso ciò non sarebbe più possibile.

Va detto che comunque è probabile che l'attività solare possa influenzare le sinottiche su scala locale il che può favorire nel caso di attività bassa un sensibile raffreddamento di vaste aree portando comunque a inverni più rigidi; il discorso è complesso e ad ora non ho un ricordo preciso e non vorrei intervenire per evitare errori; tempo fa condivisi in un TD di Robert un paper (ovviamente in inglese) sull'argomento, magari più tardi lo ricondivido qua, adesso sono onestamente troppo scazzato per spulciare nel forum.


Laughing Laughing Laughing Laughing


Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   

Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2
Pagina 2 di 2

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Puoi votare nei sondaggi



Powered by phpBB © 2001- 2004 phpBB Group
Theme created by phpBBStyles.com | Themes Database
phpbb.it