Logo MeteoLive

Il forum di MeteoLive.it
Il più autorevole ed antico forum di Meteorologia italiano, il primo creato in Italia, attivo fin dal 29 novembre 1998

Spaghetti per Roma
Satellite moviola VISIBILE

atten.gif (177 byte)atten.gif (177 byte)  Ti ricordiamo che il forum è moderato e i messaggi contrari al regolamento verranno cancellati.
Non inserire link o pubblicità ad altri siti meteo ITALIANI. Mantieni sempre un comportamento educato e rispettoso e sarai stimato da tutti! SEGNALA ABUSI AL MODERATORE!

Sat moviola Regolamento GFS HR PLUS WRF Inser. img statiche

Segnala il tempo!  

Nowcasting
NORD-OVEST

  Nowcasting
NORD-EST
  Nowcasting
CENTRO-SUD
 
MeteoLive.it :: Leggi argomento - considerazioni sul global warming
Log in Registra FAQ Cerca Indice del forum

considerazioni sul global warming
Vai a 1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia
Precedente :: Successivo  

la tua idea a proposito del global warming?
non esiste. è un' invenzione
24%
 24%  [ 24 ]
esiste ma viene amplificato dai media
12%
 12%  [ 12 ]
esiste ma il contributo antropico ( dell uomo) è minimo
11%
 11%  [ 11 ]
siamo ormai giunti al punto del non ritorno
22%
 22%  [ 22 ]
non abbiamo sufficienti motivi per dire se esiste o non esiste
2%
 2%  [ 2 ]
si tratta principalmente di una fase naturale ciclica
26%
 26%  [ 26 ]
Voti Totali : 97

Autore Messaggio
ventomoderato
*Forumista TOP*


Registrato: 19/08/16 21:27
Messaggi: 10663
Residenza: venaria reale

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 3:46 pm    Oggetto: considerazioni sul global warming Rispondi citando

la tua idea a proposito del global warming?


Top
Profilo Invia messaggio privato
Peter94



Registrato: 11/01/14 13:04
Messaggi: 2401
Residenza: Cesiomaggiore (BL) [430m]

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 5:22 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao.
Non ho votato nessuna delle 6 risposte perché nessuna corrisponde con la mia idea.

Posto che il riscaldamento globale esiste ed il clima sta cambiando verso il caldo in maniera notevole dal 1980 (e su questo a parte i soliti negazionisti dell'evidenza credo siamo tutti d'accordo), dobbiamo tener presente che praticamente la totalità degli studi scientifici effettuati finora rivela le emissioni di gas serra attività antropiche come causa dell'accelerazione dell'aumento di temperatura (sappiamo infatti che la temperatura del pianeta sta aumentando per cause naturali già da oltre due secoli, ma con un'accelerazione negli ultimi 40 anni, a quest'ultima si riferiscono gli esperti).

C'è però una buona notizia: riducendo le emissioni di gas serra possiamo contenere l'aumento della temperatura globale.
Di quanto non possiamo esserne certi con precisione, fatto sta che secondo i modelli di simulazione dell'IPCC invece di ritrovarci nel 2100 con 3-4°C in più a livello globale, potremmo fermarci ad 1°C.
Come, lo sappiamo.
Paesi più lungimiranti, che pensano anche al futuro, come (guarda caso) quelli del centro-nord Europa lo stanno già facendo in maniera seria.
Logicamente va bene anche dire cosa deve fare lo Stato, ma la nostra parte la dobbiamo fare tutti: logico che se si continua a sentire che non è vero che adesso fa più caldo di 40 anni fa anche in Italia, non è che si possa fare chissà cosa, serve innanzitutto che siamo tutti convinti del problema e delle soluzioni.


Top
Profilo Invia messaggio privato
IMadeYouReadThis
Forumista senior


Registrato: 07/07/16 21:02
Messaggi: 6097
Residenza: Trento

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 5:34 pm    Oggetto: Rispondi citando

Non ho votato nulla perchè la prima e l'ultima sono risposte identiche, 5 risposte su 6 depongono per un ridimensionamento parziale o totale del concetto di AGW e l'altra è estrema nell'altro senso.

Non è assolutamente un punto di non ritorno. Magari per la vita umana si, per la vita del pianeta sicuramente no. Probabilmente abbiamo solo ritardato la prossima glaciazione di un periodo non ben determinato di tempo.


Son d'accordo con Peter che il negazionismo alimenta comportamenti scorretti nei confronti del nostro pianeta. Chiudere gli occhi, pensare che la responsabilità non sia nostra ma piuttosto dei governi, o magari addirittura del sole (o cicli naturali, quel che volete) ritenendoci ininfluenti (perchè è più facile pensarla cosi) provoca solo indifferenza verso tematiche molto importanti per il futuro del nostro pianeta (e della nostra specie di conseguenza).


Top
Profilo Invia messaggio privato
the hurricane



Registrato: 01/02/11 10:34
Messaggi: 2115
Residenza: Caravaggio (BG)

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 5:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

io ho votato "esiste, ma viene amplificato dai media" perchè tra le opzioni mi sembrava quella più sensata.

Spesso i media tendono ad amplificare il concetto di gw e associano eventi meteorologici a cambiamenti climatici, cosa spesso sbagliata.

D' altra parte, aggiungerei l' opzione " il gw esiste e il contribuito antropico è la causa principale".

Comunque i punti base per una buona riflessione sono:

1) i dati termici globali mostrano un riscaldamento avvenuto negli ultimi 120-130 anni

2) la co2 è un gas serra

3) le emissioni antropiche di co2 e altri gas serra hanno fatto aumentare le concentrazioni di gas serra in atmosfera

4) ad oggi non esiste un modello alternativo da opporre all' agw, cioè, per tutti i modelli climatici, il fattore antropico è la causa principale del riscaldamento globale


Top
Profilo Invia messaggio privato
Giuly1986



Registrato: 06/12/17 15:11
Messaggi: 394
Residenza: Roma - Muratella

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 6:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Indubbiamente esiste, ma viene ampiamente amplificato (scusate il gioco di parole) dai media...
Ricordo articoli dei primi anni 2000 in cui si prospettava una città di Venezia sotto mezzo metro d'acqua entro il 2010, dato dall'innalzamento del livello dei mari... Siamo quasi al 2020 e Venezia è ancora lì.
Indubbiamente il clima è cambiato e sembra che a farne le spese più di chiunque altro sul Pianeta sia l'Artico ed il Mediterraneo, con clima via via sempre più caldo...MA... C'è un "ma" che i media e anche molti scienziati non valutano attentamente, alla Natura basterebbe uno "starnuto" per rimettere le cose a posto o addirittura invertire i trend.
Nessuno scienziato ha ipotizzato che entro 100 anni avremo un'eruzione vulcanica gigantesca? I tempi di ritorno sono esauriti dall'ormai lontano 1815 e (statisticamente) episodi come quello accadono una volta al secolo. Gli scienziati valutano una volta ogni 1000 anni sì, ma per il singolo vulcano. E di vulcani come il Tambora o il Krakatoa ce ne sono almeno due centinaia su tutto il globo... E non hanno tutti gli stessi tempi di ritorno, ergo mediamente ogni 100 anni si hanno eruzioni di grande portata.
Se entro i prossimi 25 anni si verificherà un'eruzione vulcanica di questo tipo (VEI 7-8 ) probabilmente staremmo commentando tutt'altra situazione climatica, abbinata peraltro ad un previsto minimo solare molto simile a quello di Dalton... Il Global Warming antropico ne attenuerebbe gli effetti ma non li azzererebbe di certo, quindi avremo almeno -0,5/-0,7°C in meno rispetto alle medie anziché -1,5/-2°C ma sarebbe comunque un "regresso" climatico che ci porterebbe all'inizio del '900 o alla fine dell'800. Senza contare che basterebbe un massivo scioglimento di ghiaccio sulla Groenlandia (cosa assai probabile) a far affluire centinaia di milioni di metri cubi di acqua fredda sull'Atlantico bloccando il nastro trasportatore di calore della Corrente del Golfo con effetti che tutti possiamo ben immaginare. Ipotesi, per ora, ma vi dico che la probabilità che si arresti la CDG o che un Vulcano di grosse dimensioni (senza scomodare le super caldere) esploda, sono immensamente più alte di quel che si pensi. Variabili di non poco conto che i media DEVONO mettere pure in conto. Oltre al conclamato AGW. Questo il mio umile pensiero.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Alberto13



Registrato: 05/10/17 21:35
Messaggi: 676
Residenza: Chiasso

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 6:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho votato che esiste ma il contributo umano è minimo


Top
Profilo Invia messaggio privato
IMadeYouReadThis
Forumista senior


Registrato: 07/07/16 21:02
Messaggi: 6097
Residenza: Trento

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 6:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

Giuly1986 ha scritto:
Indubbiamente esiste, ma viene ampiamente amplificato (scusate il gioco di parole) dai media...
Ricordo articoli dei primi anni 2000 in cui si prospettava una città di Venezia sotto mezzo metro d'acqua entro il 2010, dato dall'innalzamento del livello dei mari... Siamo quasi al 2020 e Venezia è ancora lì.
Indubbiamente il clima è cambiato e sembra che a farne le spese più di chiunque altro sul Pianeta sia l'Artico ed il Mediterraneo, con clima via via sempre più caldo...MA... C'è un "ma" che i media e anche molti scienziati non valutano attentamente, alla Natura basterebbe uno "starnuto" per rimettere le cose a posto o addirittura invertire i trend.
Nessuno scienziato ha ipotizzato che entro 100 anni avremo un'eruzione vulcanica gigantesca? I tempi di ritorno sono esauriti dall'ormai lontano 1815 e (statisticamente) episodi come quello accadono una volta al secolo. Gli scienziati valutano una volta ogni 1000 anni sì, ma per il singolo vulcano. E di vulcani come il Tambora o il Krakatoa ce ne sono almeno due centinaia su tutto il globo... E non hanno tutti gli stessi tempi di ritorno, ergo mediamente ogni 100 anni si hanno eruzioni di grande portata.
Se entro i prossimi 25 anni si verificherà un'eruzione vulcanica di questo tipo (VEI 7-8 ) probabilmente staremmo commentando tutt'altra situazione climatica, abbinata peraltro ad un previsto minimo solare molto simile a quello di Dalton... Il Global Warming antropico ne attenuerebbe gli effetti ma non li azzererebbe di certo, quindi avremo almeno -0,5/-0,7°C in meno rispetto alle medie anziché -1,5/-2°C ma sarebbe comunque un "regresso" climatico che ci porterebbe all'inizio del '900 o alla fine dell'800. Senza contare che basterebbe un massivo scioglimento di ghiaccio sulla Groenlandia (cosa assai probabile) a far affluire centinaia di milioni di metri cubi di acqua fredda sull'Atlantico bloccando il nastro trasportatore di calore della Corrente del Golfo con effetti che tutti possiamo ben immaginare. Ipotesi, per ora, ma vi dico che la probabilità che si arresti la CDG o che un Vulcano di grosse dimensioni (senza scomodare le super caldere) esploda, sono immensamente più alte di quel che si pensi. Variabili di non poco conto che i media DEVONO mettere pure in conto. Oltre al conclamato AGW. Questo il mio umile pensiero.


Attenzione che un VEI 7 come l'esplosione del Tambora non è cosi frequente. Ha un tempo di ritorno medio di circa 1000 anni. Piuttosto più frequenti i VEI 6 come krakatoa nel 1883 o Pinatubo nel 1991. Gli effetti sul clima per un VEI 7 normalmente si risolvono in max 5 anni. Un VEI 6 può influenzare il clima per massimo un paio di anni. Dovrebbero esserci eruzioni continue. Per la corrente del golfo il discorso è molto più complicato. Per il minimo solare gli effetti antropici potrebbero essere ancora più importanti impedendo qualsiasi raffreddamento temporaneo.


Top
Profilo Invia messaggio privato
maxtempesta



Registrato: 15/09/13 21:04
Messaggi: 601
Residenza: riccia (CB)

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 7:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

ho votato la 6
tutto quello che è stato costruito attorno a questa cosa è solo una colossale truffa


Top
Profilo Invia messaggio privato
IMadeYouReadThis
Forumista senior


Registrato: 07/07/16 21:02
Messaggi: 6097
Residenza: Trento

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 7:35 pm    Oggetto: Rispondi citando

maxtempesta ha scritto:
ho votato la 6
tutto quello che è stato costruito attorno a questa cosa è solo una colossale truffa

Laughing


Top
Profilo Invia messaggio privato
Salento92
Forumista senior


Registrato: 18/11/13 20:01
Messaggi: 6536
Residenza: Andrano (LE), 110 m s.l.m

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 7:43 pm    Oggetto: Rispondi citando

si tratta di una fase naturale ciclica


Top
Profilo Invia messaggio privato
vince1986



Registrato: 24/08/12 12:23
Messaggi: 3012
Residenza: Pisa

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 8:36 pm    Oggetto: Rispondi citando

Peter94 ha scritto:
Ciao.
Non ho votato nessuna delle 6 risposte perché nessuna corrisponde con la mia idea.

Posto che il riscaldamento globale esiste ed il clima sta cambiando verso il caldo in maniera notevole dal 1980 (e su questo a parte i soliti negazionisti dell'evidenza credo siamo tutti d'accordo), dobbiamo tener presente che praticamente la totalità degli studi scientifici effettuati finora rivela le emissioni di gas serra attività antropiche come causa dell'accelerazione dell'aumento di temperatura (sappiamo infatti che la temperatura del pianeta sta aumentando per cause naturali già da oltre due secoli, ma con un'accelerazione negli ultimi 40 anni, a quest'ultima si riferiscono gli esperti).

C'è però una buona notizia: riducendo le emissioni di gas serra possiamo contenere l'aumento della temperatura globale.
Di quanto non possiamo esserne certi con precisione, fatto sta che secondo i modelli di simulazione dell'IPCC invece di ritrovarci nel 2100 con 3-4°C in più a livello globale, potremmo fermarci ad 1°C.
Come, lo sappiamo.
Paesi più lungimiranti, che pensano anche al futuro, come (guarda caso) quelli del centro-nord Europa lo stanno già facendo in maniera seria.
Logicamente va bene anche dire cosa deve fare lo Stato, ma la nostra parte la dobbiamo fare tutti: logico che se si continua a sentire che non è vero che adesso fa più caldo di 40 anni fa anche in Italia, non è che si possa fare chissà cosa, serve innanzitutto che siamo tutti convinti del problema e delle soluzioni.


condivido in pieno.
Ho la vaga sensazione che in questo td presto voleranno stracci Very Happy


Top
Profilo Invia messaggio privato
vince1986



Registrato: 24/08/12 12:23
Messaggi: 3012
Residenza: Pisa

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 8:49 pm    Oggetto: Rispondi citando

IMadeYouReadThis ha scritto:
Non ho votato nulla perchè la prima e l'ultima sono risposte identiche, 5 risposte su 6 depongono per un ridimensionamento parziale o totale del concetto di AGW e l'altra è estrema nell'altro senso.

Non è assolutamente un punto di non ritorno. Magari per la vita umana si, per la vita del pianeta sicuramente no. Probabilmente abbiamo solo ritardato la prossima glaciazione di un periodo non ben determinato di tempo.


Son d'accordo con Peter che il negazionismo alimenta comportamenti scorretti nei confronti del nostro pianeta. Chiudere gli occhi, pensare che la responsabilità non sia nostra ma piuttosto dei governi, o magari addirittura del sole (o cicli naturali, quel che volete) ritenendoci ininfluenti (perchè è più facile pensarla cosi) provoca solo indifferenza verso tematiche molto importanti per il futuro del nostro pianeta (e della nostra specie di conseguenza).


Condivido anche l'intervento del sempre ottimo IMade.
Stranamente in questo td manca quella che è l'opzione supportata dalla quasi totalità degli scienziati, ossia che l'AGW è una realtà e il contributo antropico importante.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Peter94



Registrato: 11/01/14 13:04
Messaggi: 2401
Residenza: Cesiomaggiore (BL) [430m]

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 9:24 pm    Oggetto: Rispondi citando

IMadeYouReadThis ha scritto:
maxtempesta ha scritto:
ho votato la 6
tutto quello che è stato costruito attorno a questa cosa è solo una colossale truffa

Laughing

Tranquillo, ormai Maxtempesta lo conosciamo.
Mi preoccuperei se dicesse il contrario.


Top
Profilo Invia messaggio privato
Graywolf



Registrato: 06/01/13 22:11
Messaggi: 1806
Residenza: Val di Susa (350m)

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 10:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

Quoto quanto scritto da IMYRT e Hurricane.

Una precisazione sui vulcani. I tempi di ritorno di un'eruzione VEI7 potrebbero essere inferiori a 1000 anni, basti pensare che le ultime eruzioni di questo tipo furono: Tambora 1815, Rinjani 1257, Baekdu 946, Taupo 230 e sono quelle sicure, di cui siamo a conoscenza. Inoltre ci furono altre eruzioni border line tra un VEI6 e un VEI7 come "L'eruzione misteriosa" avvenuta tra 1808 (non è un caso che da quell'anno fino al 1816 ci furono delle stagioni estive incredibilmente fredde e piovose in Piemonte). Non mi dilungo ma ci sarebbero almeno altre 2 eruzioni con un VEI tra il 6 e il 7 negli ultimi 2000 anni.

Le eruzioni VEI6 invece sono decisamente più comuni, le ultime sono il Pinatubo 1991 (10-15 km3 di materiale eruttato, quindi quasi borderline con un VEI5), il Novarupta 1912 (13-15 km3), Santa Maria 1902 (>10 km3), Krakatoa 1887 (20-25 km3)... e tante altre eruzione più o meno conosciute. Ovviamente più andiamo indietro nel tempo e maggiori sono le difficoltà a conoscere eventuali eruzioni.

Le eruzioni VEI8 o VEI7 (>500 km3) non dovremmo sperimentarle, mi auguro, visti i tempi di ritorno lunghissimi.


Top
Profilo Invia messaggio privato
IMadeYouReadThis
Forumista senior


Registrato: 07/07/16 21:02
Messaggi: 6097
Residenza: Trento

MessaggioInviato: Sat Jan 13, 2018 10:16 pm    Oggetto: Rispondi citando

Graywolf ha scritto:
Quoto quanto scritto da IMYRT e Hurricane.

Una precisazione sui vulcani. I tempi di ritorno di un'eruzione VEI7 potrebbero essere inferiori a 1000 anni, basti pensare che le ultime eruzioni di questo tipo furono: Tambora 1815, Rinjani 1257, Baekdu 946, Taupo 230 e sono quelle sicure, di cui siamo a conoscenza. Inoltre ci furono altre eruzioni border line tra un VEI6 e un VEI7 come "L'eruzione misteriosa" avvenuta tra 1808 (non è un caso che da quell'anno fino al 1816 ci furono delle stagioni estive incredibilmente fredde e piovose in Piemonte). Non mi dilungo ma ci sarebbero almeno altre 2 eruzioni con un VEI tra il 6 e il 7 negli ultimi 2000 anni.

Le eruzioni VEI6 invece sono decisamente più comuni, le ultime sono il Pinatubo 1991 (10-15 km3 di materiale eruttato, quindi quasi borderline con un VEI5), il Novarupta 1912 (13-15 km3), Santa Maria 1902 (>10 km3), Krakatoa 1887 (20-25 km3)... e tante altre eruzione più o meno conosciute. Ovviamente più andiamo indietro nel tempo e maggiori sono le difficoltà a conoscere eventuali eruzioni.

Le eruzioni VEI8 o VEI7 (>500 km3) non dovremmo sperimentarle, mi auguro, visti i tempi di ritorno lunghissimi.

Ottimo grazie. Comunque tempi di ritorno molto lunghi per un VEI7


Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   

Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum » Previsioni meteo e meteorologia Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a 1, 2, 3, 4, 5, 6  Successivo
Pagina 1 di 6

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Puoi votare nei sondaggi



Powered by phpBB © 2001- 2004 phpBB Group
Theme created by phpBBStyles.com | Themes Database
phpbb.it